Pubblicità
I miei siti web
Links
Su ItaliaABC trovi una selezione dei migliori Hotel Roma , Hotel Milano e Hotel Verona per te le tue vacanze in Italia .
Marcia per la pace Perugia-Assisi

Marcia per la pace Perugia-Assisi

Assisi (PG)Domenica 19 ottobre si svolgerà la Marcia Perugia-Assisi per la pace e la fraternità.

Perugia, Giardini del Frontone, 9.00 – per concludersi alla Rocca Maggiore di Assisi ore 14.00 dove avrà luogo la manifestazione conclusiva con gli interventi dal palco e animazioni musicali.

La Marcia Perugia-Assisi è parte integrante del Programma “Dalla grande guerra alla grande pace” progettato in occasione del centenario dello scoppio della prima guerra mondiale per riscoprire e promuovere il grande valore della pace.

La Marcia Perugia-Assisi è una grande iniziativa di educazione alla pace, ai diritti umani e alla cittadinanza democratica.

Info:
Tavola della Pace – Via della Viola, 1
Tel. 075 5736890 – Fax 075 5739337

Perugia Social Photo Fest

Perugia Social Photo Fest

PERUGIA SOCIAL PHOTO FEST. Festival internazionale di fotografia sociale e terapeutica

La commissione del Perugia Social Photo Fest ha selezionato i quattro progetti vincitori della “call for entry” 2014 per le due sezioni “fotografia sociale” (Myriam Meloni e Simone Cerio) e “fotografia terapeutica” (Jay Sullivan e Marika Delila Bertoni) ed ha assegnato anche cinque menzioni d’onore.

La scelta tra 117 partecipanti provenienti da ogni angolo del mondo.

I quattro vincitori esporranno durante la terza edizione del primo festival internazionale dedicato alla fotografia sociale e terapeutica in programma a Perugia dal 14 al 23 novembre prossimi.

Sono in totale quattro i progetti selezionati per la “call for entry” 2014 del Perugia Social Photo Fest (PSPF), due per entrambe le sezioni “fotografia sociale” e “fotografia terapeutica”. La scelta non è stata certo facile per la commissione giudicatrice, che tra l’altro ha assegnato anche cinque menzioni d’onore, data la quantità e l’alta qualità dei progetti fotografici presentati, a conferma del grande successo internazionale ormai raggiunto dal festival perugino dedicato alla fotografia sociale e terapeutica.

I progetti pervenuti da tutto il mondo sono stati infatti 117 (oltre che dall’Italia e da molti paesi europei, anche dall’Australia, Malesia, India, Sudafrica, Canada, America, Argentina). In particolare, 84 per la sezione “fotografia sociale” e 33 quelli presentati per la sezione “fotografia terapeutica”.

A selezionare i quattro progetti vincitori e ad assegnare le cinque menzioni d’onore è stata una commissione composta da Antonello Turchetti, direttore artistico del festival in rappresentanza dell’associazione organizzatrice ‘LuceGrigia’, dal fotografo Fausto Podavini (vincitore del word press foto 2013) e da Loredana De Pace, giornalista specializzata in fotografia.

Nell’ambito della “fotografia sociale” (di denuncia e riflessione, di riscatto di identità individuali e collettive, mezzo per dar voce agli ‘esclusi’ e quindi strumento di inclusione sociale) i vincitori sono

la spagnola Myriam Meloni con “Behind the absence” (“la condizione di resilienza pura è trattata da Myriam Meloni con linguaggio coerente, personale eppure attento a non farsi troppo presente, lasciando spazio al contenuto dell’immagine, più che alla sua estetizzazione”) e dall’italiano Simone Cerio (Parallelozero) con “When the others go away”, progetto realizzato per conto di Emergency (“gli scatti di Simone Cerio sono spot – a volte delicati, altri estremamente ruvidi – che fanno luce sulla condizione di difficile resilienza che è l’Afghanistan”). Le menzioni d’onore sono andate a Corinna Kern (“A place called home”), Marianna Ciuffreda, Chiara Moncada, Marco Vignola (“Lucha“) e ad Irving Villegas (“Working far away”).

Per la sezione “fotografia terapeutica” (intesa come mezzo di riattivazione della percezione e di uno stimolo interiore personale soprattutto laddove c’è una difficoltà di comunicazione per attivare quindi un processo di autocoscienza e di esplorazione del sé) i due progetti selezionati sono stati quelli di Jay Sullivan (“Glove”) dagli Stati Uniti (“questo genere fotografico gli consente di allontanarsi formalmente dal ricordo negativo del padre, mentre ad alcuni suoi oggetti – fotografati con precisione da entomologo – affida il difficile compito di decostruire la sua memoria e sanarla”) e di Marika Delila Bertoni (“La fotografia mi cura”) dall’Italia (“Marika usa un bianconero a tratti surreale, teatrale, strutturato come su di un palcoscenico dove l’anthropos trova la sua verità, sia pure attraverso simbologie condivise dalle due protagoniste, ossia l’autrice e l’interprete”). Menzioni d’onore sono andate ad Aminta Pierri per “Nessuna elegia“ e a Deborah Hughes per “Emptyroom“.

I quattro vincitori potranno ora esporre durante la terza edizione del PSPF, ovvero del primo festival internazionale dedicato alla fotografia sociale e terapeutica che si svolgerà ancora a Perugia, presso il Museo Civico Centro di Cultura Contemporanea Palazzo Penna, dal 14 al 23 novembre prossimi.

Il concept su cui si è basata la “call for entry” e quello su cui quindi ruoterà l’edizione 2014 del PSPF – perché il festival pure quest’anno sarà tematico – è “Resisto”. Una parola semplice ma di forte impatto che si basa sul concetto psico-sociale della “resilienza”.

Il Perugia Social Photo Fest nasce come manifestazione socio-culturale centrata sul ruolo sociale e terapeutico della fotografia e che annualmente presenta al pubblico italiano ed internazionale progetti che si sviluppano nell’ambito della fototerapia. Il festival, arricchito oltre che da mostre anche da incontri, laboratori e conferenze, vuole in questo modo favorire la diffusione delle esperienze italiane ed internazionali facendole dialogare e creando così una rete di contatti da cui far nascere collaborazioni progettuali.

SEZIONE FOTOGRAFIA SOCIALE

Myriam Meloni – “Behind the absence” (Spagna)

Dietro l’assenza che vivono intere generazioni di bambini privati di una normale vita familiare a causa del flusso migratorio dall’Est Europa non può che esserci la massima espressione di resilienza. Quella dei bambini che restano soli nella loro terra, e quella espressa dalla fotografa che interpreta la loro condizione sospesa, gli sguardi persi eppure presenti, forti, a volte gelidi come paesaggi innevati. La tematica è gravida di attualità, e questa condizione di resilienza pura è trattata da Myriam Meloni con linguaggio coerente, personale eppure attento a non farsi troppo presente, lasciando spazio al contenuto dell’immagine, più che alla sua estetizzazione. Le conseguenze dell’assenza sono nei vuoti densi, nella mancanza di sguardi diretti in camera, nell’alternanza ragionata di ambienti privi di figure umane e di luoghi nei quali, invece, sono presenti ma, paradossalmente dove si scorgono anche, e forse più, quelle che non ci sono.

Simone Cerio (Parallelozero) – “When the others go away” (Italia)

Quando gli altri vanno via, qualcuno arriva per continuare la battaglia della resistenza insieme a chi cerca di sopravvivere nei luoghi dell’Afghanistan devastati dal conflitto.  Gli scatti di Simone Cerio sono spot – a volte delicati, altri estremamente ruvidi – che fanno luce su questa condizione di difficile resilienza. Infatti, nelle foto di Cerio l’esaltazione del ruolo messianico di fatto propria dei medici di Emergency cede il passo a una sacralità laica della quale si caricano i gesti quotidiani, le situazioni d’allerta nella condivisione del pericolo, dell’emergenza. Il bianconero col quale l’autore sceglie di esprimersi rafforza questi concetti, dei quali la resilienza è la colonna portante.

Menzione d’onore

Corinna Kern – “A place called home“ (Sudafrica)

Marianna Ciuffreda, Chiara Moncada, Marco Vignola – “Lucha“ (Italia)

Irving Villegas – “Working far away“ (Germania)


SEZIONE FOTOGRAFIA TERAPEUTICA

Jay Sullivan – “Glove” (Usa)

“Ho odiato mio padre per gran parte della mia vita”. Da questo incipit testuale già si evince la forza simbiotica del linguaggio verbale col quale l’autore esprimere la rabbia che nutre nei confronti di un padre con problemi psichiatrici, e quello fotografico – lo still life – universale eppure fortemente personale, che Jay Sullivan usa per le sue immagini. Questo genere fotografico gli consente di allontanarsi formalmente dal ricordo negativo del padre, mentre ad alcuni suoi oggetti – fotografati con precisione da entomologo – affida il difficile compito di decostruire la sua memoria e sanarla, forzando la natura delle esperienze stesse, al limite fra realtà e immaginazione. Sullivan cambia il valore attribuito a ogni singolo oggetto e, così facendo, si cura in modo solo apparentemente asettico, invece lucido ed emotivamente coinvolto.

Marika Delila Bertoni – “La fotografia mi cura” (Italia)

I benefici di questa “cura” sono sperimentati dall’autrice in prima persona e poi, in questo progetto, step successivo del suo percorso fotografico, metodicizzati attraverso una forma di condivisione che lei stessa definisce “autoritratto relazionale”. La ratio di questo progetto, quindi, è dirottata da se stessa all’altro, specchiata per così dire nella protagonista delle sue fotografie. Marika Dalia Bertoni usa un bianconero a tratti surreale, teatrale, strutturato come su di un palcoscenico dove l’anthropos trova la sua verità, sia pure attraverso simbologie condivise dalle due protagoniste, ossia l’autrice e l’interprete, entrambe portavoce di una terapia espletata insieme attraverso la fotografia.

Menzione d’onore

Aminta Pierri – “Nessuna elegia“ (Italia)

Deborah Hughes – “Emptyroom“ (Irlanda)

Eurochocolate 2014

Eurochocolate 2014

Dal 17 al 26 ottobre 2014 a Perugia, andrà in scena Eurochocolate 2014, una delle più importanti fiere del cioccolato.

Saranno presenti moltissimi stand, aperti dalle 9 alle 20 nel bellissimo centro storico di Perugia, che offriranno gadget, assaggi e prezzi speciali a tutti i visitatori.

Protagonisti assoluti i vari di tipi di cioccolato, dal fondente a quello al latte, dall’extrafondente al gianduia, per passare al cioccolato amaro e alle praline, al cioccolato bianco, al mi-doux, al surfin e all’extra bitter…Insomma, un paradiso per i più golosi.

Il claim dell’edizione 2014 è “Masterchoc…Non faremo torte a nessuno!”, un claim simpatico ed ironico legato ad un logo particolare, caratterizzato da un’immagine femminile ispirata agli anni ’50 e ’60 e inserita su uno sfondo di cioccolatini, praline, cup cake di quando si era bambini.

L’obiettivo infatti è quello di evocare la quotidianità familiare.

Fulcro dell’edizione 2014 sarà il Polo Masterchoc situato in Piazza IV Novembre. Ogni giorno sono previsti corsi e laboratori pratici organizzati in collaborazione con l’Università dei Sapori di Perugia che metterà a disposizione chef ed esperti che racconteranno i segreti del mondo del cioccolato. In programma show cooking ed esibizioni dal vivocon la partecipazionestraordinaria di Madalina Pometescu e lo Chef dell’Amore Giancarlo Polito.

 

 

 

Natale

Natale

Natale Umbria 2014, scopri tutte le iniziative, dove vedere i più bei presepi e in quali mercatini recarti per scoprire le tradizioni del Natale Umbria in 2014.

L’Umbria è una delle regioni italiane dalla tradizione storica, folkloristica, religiosa ed artistica più antica ed importante. Non fa eccezione una delle festività più importanti dell’anno, il Natale.

In occasione del Natale tutte le chiese dell’Umbria celebrano solenni liturgie. Concerti di musica sacra e cori si tengono in molti luoghi di culto. Si possono ammirare presepi artistici di grande pregio e presepi viventi in molti centri, tra cui: Petrignano e Rocca Sant’Angelo (Assisi), Attigliano, Giove e Lugnano in Teverina (Amelia), Budino, Scanzano, e Marcellano (Foligno), Monteleone d’Orvieto, Calvi (Terni), Perugia, Volterrano (Città di castello) e Città della Pieve (Trasimeno). Suggestivi e spettacolari sono l’Albero di Natale allestito a Gubbio, il più grande del mondo e la stella cometa di Miranda (Terni).

In questa sito troverete le manifestazioni più significative del Natale in Umbria, chi fosse a conoscenza di presepi, concerti o altri eventi.

Il Parco dell’Altolina si sviluppa dall’abitato di Belfiore fino al castello di Pale, attraversato dal fiume Menotre che proprio in questo tratto molto stretto compie numerosi e spettacolari salti e si incanala in fessure della roccia per ricomparire più a valle con bellissime cascate.

La valle del Menotre (prende il nome dal fiume stesso) si trova in una delle zone più belle e spettacolari del territorio folignate si snoda in un paesaggio impervio ma ricco di biodiversità, infatti è una delle zone più interessanti dal punto di vista naturalistico e paesaggistico dell’Appenino Umbro-Marchigiano.

Partendo dall’Altolina, zona poco sopra Belfiore, vi è proprio un sentiero che porta alla scoperta delle cascate del Menotre, del piccolo borgo di Pale e dell’eremo di Sante Maria Giacobbe, per poi ritornare al punto da cui si è partiti.

Ecco alcune foto che ho scattato alle cascate del Menotre, le altre le potete trovare su Elisa Bistocchi Photographer.

Cascate del Menotre

Cascate del Menotre, Foligno.

 

Cascate del Menotre

Cascate del Menotre

Ponticello cascate del Menotre

Ponticello cascate del Menotre

Il Parco del Monte Cucco ha la sua connotazione fondamentale nelle risorse ipogee con l’omonimo sistema delle grotte di Monte Cucco, la cui profondità, è stata misurata in oltre 990 metri.

Il grande sistema ipogeo è visitabile con le tecniche sportive della speleologia e a ciò fa riscontro l’attività, in Costacciaro, appunto della scuola di Speleologia.

Il massiccio del Cucco costituisce uno dei luoghi più panoramici e spettacolari dell’Italia centrale che, per la sua collocazione rispetto agli eventi metereologici, ai venti, alle correnti termiche, costituisce un luogo di straordinaria attitudine alla pratica del volo libero ed in particolare del deltaplanismo.

Ecco alcune foto che ho scattato presso la forra di Rio Freddo nel Parco del Monte Cucco. Le altre foto potete trovarle su Elisa Bistocchi Photographer:

Rio Freddo

Rio Freddo – Parco del Monte Cucco

Parco del Monte Cucco

Parco del Monte Cucco

Forra di Rio Freddo

Forra di Rio Freddo

 

I primi d'Italia 2010

I primi d’Italia 2014

Il centro storico di Foligno diventa il punto di riferimento in fatto di pasta, gnocchi, polenta, riso, zuppe e prodotti gluten free provenienti da tutta Italia.

Novità 2014, per la prima volta, il 28 settembre, si terrà la prima mezza maratona de I Primi d’Italia Corri, ammira e degusta, una gara agonistica di 20 km per gustare i primi piatti in libertà

.I Primi d’Italia si conferma sempre più un festival adatto a tutti, con attività pensate per ogni età, per appassionati e per semplici curiosi: per gli intolleranti alimentari il Villaggio GlutenFree, per i più piccoli Primi d’Italia Junior, edu time e tante attività ludiche, per i palati più esigenti le sei mostre mercato e il circuito de i Villaggi del gusto, per i foodnauti un’innovativa area social e Caccia al gusto, la prima caccia interattiva e digitale con tecnologia Apple i-beacon: accumula i punti e vinci!

Foligno è il comune che ospita questa manifestazione che richiama migliaia di visitatori, grazie anche alla protagonista: La Pasta.
Questo evento vuole mettere in risalto il piatto italiano più tipico e invidiato che c’è, simbolo di buona cucina e di una buona e sana alimentazione mediterranea.
Le taverne di Foligno, che appena un paio di settimane prima del festival vengono aperte per la Giostra della Quintana, vengono riaperte per ospitare alcuni rappresentanti di diverse regioni d’Italia che presentano le loro specialità. Rigorosamente primi piatti!

Giostra della Quintana

Giostra della Quintana 2014

Tanti sono gli eventi in programma a partire dalla Cena Grande del 24 maggio con il concerto del maestro Vince Tempera e della soprano Alessandra Ceciarelli e l’attesa presentazione del Palio di Giostra dipinto da Mario Consiglio. Da venerdì 30 maggio poi, via libera al trionfo della gastronomia secentesca con l’apertura delle 10 taverne rionali.

Domenica 1 giugno, alle ore 21 al Campo de li Giochi, sono in programma le Prove Ufficiali, mentre lunedì 2 giugno si parte con il Gareggiare dei Convivi. Inizierà il Rione Ammanniti, seguito martedì 3 giugno dal Morlupo e mercoledì 4 dal banchetto del Rione Giotti. Da mercoledì 4 fino a venerdì 6 giugno, la mostra d’arte contemporanea e degli elaborati dei bambini delle scuole primarie “King, il cavallo dagli occhi di sole”.

E ancora sabato 7 e domenica 8 giugno, sempre nella sale di Palazzo Candiotti la rassegna di dipinti antichi “Il Costume nell’Arte, l’Arte del Costume”. Giovedì 5 giugno, alle ore 22 in Piazza della Repubblica, i “Giochi di Bandiera ed i Suoni di Tamburo” con gli sbandieratori del Pugilli, di Amelia e di Montefalco. Venerdì 6 giugno, alle ore 18.30 in Piazza della Repubblica, il grande evento del Concerto della Banda Musicale della Guardia di Finanza. Sabato 7 giugno, a partire dalle ore 22, in Piazza della Repubblica i Tableaux Vivants dall’Opera di Michelangelo Merisi da Caravaggio.

Il consueto appuntamento con l’equitazione per i più piccoli, Pony…amo la Quintana a Cavallo, è in programma domenica 8 giugno alle ore 21 in Piazza Matteotti. Lunedì 9 e martedì 10 giugno i banchetti del Rione Spada e del Rione Croce Bianca chiuderanno al prima fase del Gareggiare dei Convivi. Mercoledì 11 giugno, alle 22 nella rinnovata Piazza San Domenico, il Rione Cassero propone il tradizionale Palio di San Rocco. Giovedì 12 giugno, ore 22 in Piazza della Repubblica,“Tarocchi” del Teatro di Strada Novelle Lune è lo spettacolo itinerante di grande effetto che polarizzerà l’attenzione in Corso Cavour e Piazza della Repubblica. Venerdì 13, alle ore 21.45, il Corteo delle Rappresentanze rionali per le vie del centro con la spettacolare Lettura del Bando e l’Arruolamento dei Cavalieri alle 23 in Piazza della Repubblica.

Domenica 15, dalle ore 10 fino alle 16 presso il Quintana Point di Porta Romana, spazio ai collezionisti con l’annullo postale celebrativo e poi il gran finale, alle ore 21 al Campo de li Giochi, con le spettacolari emozioni della Giostra della Sfida.

 

Festa della Lavanda 2014

Festa della Lavanda 2014

Festa della lavanda 21/22 e 28/29 giugno 2014 presso i nostri giardini/vivaio di Castelnuovo di Assisi

Alla festa della lavanda quest’ anno interverranno anche espositori di altre piante e potrete prenotare le piante in anticipo contattando loro direttamente:
Rose) S’ ORROSA: Tra i più importanti vivai italiani specializzato in rose con una vastissima collezione di rose antiche: chinensis.

Nel bellissimo scenario di Assisi si può ammirare la fioritura della lavanda di moltissime varietà, filari di colori blu, viola, bianchi, lilla un mare di lavanda con mille sfumature e si può respirare un meraviglioso profumo.

Ingresso gratuito dalle ore 10 alle 20,00 ampio parcheggio, mercatino vivaist…ico, visite guidate, corsi e cene alle erbe (su prenotazione).La bellezza di passare ore all’aria aperta con l’occasione di conoscere il vasto mondo delle lavande, delle salvie da fiore, delle piante aromatiche e….tanto tanto altro ancora!!!

Per info programma
www.illavandeto.com
illavandeto@alice.it

Elezioni comunali

Elezioni comunali

Ballottaggio a Foligno, dove Nando Mismetti del Pd raggiunge il 41% e se la vedrà contro Stefania Filipponi di Forza Italia, che ha raggiunto il 25.4%.

Seguono Fausto Savini del M5S con il 14,32% (4.316) e i candidati delle liste civiche: Aldo Amoni con il 10,34% (3.119), Elisabetta Piccolotti con il 7,01% (2.113), Giacomo Bicerna con l’1,43% (432), Vittorio Frasconi con lo 0,97% (293).

Dei 44.707 elettori si sono presentati al voto il 70,30% (31.430) contro il 76,52% delle precedenti amministrative. Sono state riscontrate 362 schede bianche, 909 nulle e 20 contestate.

Possibile disgelo Mismetti-Piccolotti? La corsa per l’avvocatessa è tuttae in salita, non solo per il cospicuo vantaggio messo in cassaforte da Mismetti, ma anche per i risultati raccolti dalla variegata offerta politica. In ottica ballottaggio il primo dato che salta all’occhio è quello realizzato da Elisabetta Piccolotti (7.01%) e da Sel (6.15%).

La spaccatura tra i due ex alleati brucia ancora, ma è evidente che se nei prossimi giorni si assistesse al disgelo, Mismetti si avvierebbe verso un’agevole vittoria. Ma al momento l’accordo non è dietro l’angolo.

Annunci
Cerca
Umbria su Facebook:
Viaggi low cost